Come ho fatto a trovare un editore/11 – L’agente editoriale

Girls - lobsters & girl, Warren Ave. Bridge

Due cose mi sono chiare. La prima è che non sono pronto per la pubblicazione. La seconda è che non lo sarò mai.

Almeno fino a quando non avrò studiato a dovere che cos’è il mondo dell’editoria e come funziona. Il rischio sarebbe di affidare il manoscritto alle mani del destino e sperare per il meglio. Non posso farlo.

Mi convinco che il giudizio di un editore è spesso arbitrario. In fondo, un manoscritto può essere rifiutato perché non rientra nella linea editoriale, oppure perché non è ancora a punto, oppure perché quello stesso romanzo intercetta una fascia di pubblico già coperta da un altro autore della stessa casa editrice.Non è detto che il mio sia peggiore, è semplicemente di troppo.

Davanti a un drammatico cappuccino, due parole arrivano al mio orecchio: a-g-e-n-t-e e-d-i-t-o-r-i-a-l-e. Una figura mitologica.

Un agente editoriale potrebbe trovare la giusta collocazione al romanzo qualora se ne innamori come è accaduto a me. Quindi ricomincio da capo e inizio a studiarmi la lista dei più importanti agenti sul mercato. Si va dal tecnico Piergiorgio Nicolazzini al fantomatico Studio Bernabò, dagli audaci associati della Enoch all’oscura A.N.A.R.P.E.

Leggo la terza stesura, rileggo la terza stesura e la trasformo in una soddisfacente quarta stesura. Ci sono tutti i personaggi con tutte le loro linee narrative racchiuse in un manoscritto di circa trecento pagine che ormai ha raggiunto una certa pesantezza in termini di byte.

Asciugo qui e là, poi studio di nuovo le regole di invio della lista di agenti editoriali: Kylee Doust è il mio obiettivo principe – nella lista dei loro autori figurano Andrea Canobbio, Daniela Ranieri, Niccolò Ammaniti. Mi pare l’agenzia perfetta per il mio stile narrativo. Segue lo Studio Bernabò. Chiude la triade Piergiorgio Nicolazzini.

Mentre mi preparo ancora una volta ad attendere, ricomincio a leggere. E dopo due mesi, la casella della posta in entrata s’illumina.

Picture:

Boston Public Library

Girls – lobsters & girl, Warren Ave. Bridge

Creator/Contributor: Jones, Leslie, 1886-1967 (photographer)

Collection: Leslie Jones Collection

cc-logo

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *